top of page

Fdileague Group

Public·126 members
George Gulyaev
George Gulyaev

Cappuccetto Rosso Sangue


Valerie, messa all'erta da un sogno premonitore, si reca a casa della nonna, nella foresta, dove scopre che il lupo è suo padre, Cesaire. Egli aveva atteso la luna di sangue per trasformare le due figlie, come suo padre aveva fatto con lui; tuttavia, scoprendo che la figlia maggiore non era in grado di comprenderlo quando trasformato, aveva capito di non esserne il padre e in un eccesso di furia l'aveva uccisa. Si era poi vendicato della moglie, sfregiandola con una zampata, e del suo amante (il padre di Henry) uccidendolo. Il lupo rivela anche di essere stato costretto a uccidere la propria madre, perché aveva intuito la verità.




Cappuccetto rosso sangue


Download: https://www.google.com/url?q=https%3A%2F%2Fvittuv.com%2F2ufDFz&sa=D&sntz=1&usg=AOvVaw2NRHrreKdd8OJBKzzXdKS8



A Fernandez seguì a ruota dall'ingaggio di Julie Christie nella parte della nonna, Gary Oldman come il cacciatore di lupi e Max Irons nel ruolo di Henri, altro contendente amoroso della protagonista, figlio raffinato e dai bei modi di una famiglia aristocratica al quale è stata concessa in sposa Cappuccetto rosso da un accordo comune stipulato tra le due famiglie. Commentando il ruolo di Henry, la Hardwicke ha definito ideale la recitazione raffinata mostrata da Irons, ideale per la rappresentazione del volto enigmatico del personaggio che si scoprirà nel corso della storia e che secondo la regista è una delle sorprese nel film perché lui [Henry] non è quello che credi di conoscere in superficie.[10][11]


Signore e signori, prestate attenzione ché la fiera delle banalità è arrivata in città ed è carica di cliché e stereotipi per tutti. Non accalcatevi toppo attorno e cercate di trattenere le risate. Questo "Cappuccetto rosso sangue" è un film demenziale che calca la scia della saga di "Twilight", teen-horror che gioca su facili emozioni a basso costo e cerca di intrigare lo spettatore girando attorno alla domanda "chi è il lupo cattivo?"


La peggior pecca di "Cappuccetto rosso sangue" è la sua pretesa di seriosità mentre avrebbe un incredibile potenziale di ilarità demente, infatti è davvero un peccato che il progetto non sia passato per le mani di Edgar Wright ("L'alba dei morti dementi", "Hot Fuzz", "Scott Pilgrim vs. the world") altrimenti sarebbe stata tutt'altra storia. Invece il risultato è semplicemente un fantasy-horror che non riesce a spaventare o ad essere sexy come vorrebbe. Pessima fotografia da sceneggiato televisivo, recitazione che fa rimpiangere l'espressività di un palo della luce ed una regia attenta a cercare le corde che muovono i cuoricini di tanti teenagers, non sorprende il fatto che la regista Catherine Hardwicke abbia diretto anche il primo episodio della saga di "Twilight". Amanda Seyfried con occhi verdi a palla che manco una mantide religiosa può permettersi e bocca spalancata per l'intera pellicola si muove stupita di scena in scena caracollando sperduta come lo spettatore in un mondo fiabesco, ma non troppo; un mondo dark, ma senza eccessi se non quelli relativi al budget: "Cappuccetto rosso sangue" è, infatti, costato oltre 40 milioni di dollari alla produzione e l'unico risultato è quello di spingere lo spettatore a ricercare sinonimi della parola "brutto", personalmente opto per "atroce".


L'ho letto tempo dopo aver visto il film e mi è piaciuto davvero molto (come pure il film), una piacevolissima fiaba in stile gotico, molto belli i personaggi, le ambientazioni e i colori, il rosso del mantello spicca tantissimo sull'oscurità del bosco e del paese e sul bianco della neve, davvero una bellissima immagine. Stile scorrevole, senza punti morti, si legge che è un piacere, consigliatissimo!


Dunque un film ricco di suspense e di momenti di dubbio, espressione della grande tradizione horror e del thriller psicologico. Il vero dramma si diffonde nel momento in cui il villaggio scopre che il mostro è uno di loro e che quindi non è più possibile fidarsi di nessuno. La compattezza e la solidità di un piccolo villaggio viene rotta da questa grave minaccia che solo alla fine potrà essere svelata. Un film dalle tonalità piuttosto fosche e torve, a dispetto del grande utilizzo che vien fatto del colore rosso.


Cappuccetto rosso sangue va considerato più un film giallo che un horror, nel quale tutti i personaggi, nessuno escluso, sono sospettabili degli omicidi commessi. La tensione regge fino alla fine del film e la scoperta dell'identità del lupo mannaro è tutt'altro che prevedibile. Nonostante queste note positive, il film non può essere definito qualcosa di eccezionale, ma è certamente migliore di quanto ci si aspettasse. 041b061a72


About

Welcome to the group! You can connect with other members, ge...

Members

bottom of page